RAO II

22 Dicembre 2014 Autore : 

Dopo il successo della prima versione prodotta nel 2006 dall’Extrema Ratio su commissione del 185° Reg.R.A.O., l’omonimo coltello rinnova le sue forme con la nuova versione, il RAO II.

Il predecessore era stato ideato e sviluppato come dotazione del Reggimento Ricognizione ed Acquisizione Obiettivi, (R.R.A.O), reparto che si è costituito nel 1941 come 1° Reggimento Paracadutisti alla scuola di Tarquinia e che nel ’42 ha assunto la denominazione 185° Reggimento Paracadutisti “FOLGORE”.

La componente operativa di questo reparto è altamente specializzata ed è in grado di operare in condizioni di assoluto isolamento, in completa autonomia per svariati giorni, e di sopravvivere e combattere in ambienti altamente ostili. Gli Acquisitori svolgono compiti sia a livello strategico che tattico, conducendo operazioni di infiltrazione occulte oltre le linee nemiche per osservarne l’entità delle forze in gioco, acquisire obiettivi e dirigere il fuoco alleato (aereo, navale e terrestre) per la loro neutralizzazione. Proprio per la tipologia e modalità di operazioni che svolgono, il motto del R.R.A.O. è “Videre nec Videri”, vedere senza essere visti.
La necessità di operare in modo autosufficiente, adattandosi al contesto ambientale, richiede un equipaggiamento compatto e versatile, ma che sia allo stesso tempo robusto e duraturo: il RAO è stato sviluppato tenendo presenti queste esigenze operative.

Fin dalla prima versione il coltello chiudibile prodotto dall’Extrema Ratio ha dimostrato di essere piuttosto robusto; questo coltello oversized ha infatti l’ambizione di essere affidabile e prestante quanto un coltello a lama fissa, con il vantaggio della maggiore compattezza.

Il RAOII, pur mantenendo la stessa filosofia progettuale del predecessore, presenta alcune differenze e migliorie. La lama, realizzata in acciaio N690 a 57-58 HRc con brunitura Testudo MIL-C-13924, ha una linea drop point con un appeal sicuramente maggiore rispetto alla versione tanto modificata impiegata precedentemente. Grazie ai suoi 6.3 mm di spessore, per una lunghezza di 12 cm e una larghezza di 4.4 cm, la lama non teme i lavori più duri.
Sul dorso è riportata una zigrinatura aggressiva, per migliorare la presa del coltello, seguita da un falso controfilo dalla bisellatura pronunciata che si estende per metà lama; il logo della ditta è riportato nella fresatura di alleggerimento praticata nella zona centrale della lama, mentre il nome del modello è inciso sullo spaziatore dell’impugnatura.

La pesante lama ruota in modo fluido, grazie alla presenza di rondelle in teflon, attorno ad un pivot di grandi dimensioni regolabile tramite cacciavite piano (a differenza della precedente versione che aveva una semplice vite torx); il meccanismo di blocco è dato da un perno ambidestro a molla, che si colloca nella sede apposita ricavata sul tallone della lama quanto aperta e funge al contempo anche da sistema di sblocco.

L’impugnatura, in alluminio anodizzato Anticordal (lega di alluminio, silicio e magnesio), è stata resa più confortevole rispetto alla più squadrata versione del RAO; sono infatti stati smussati tutti gli spigoli delle guancette rendendo l’impugnatura complessivamente più ergonomica. Chiaramente l’impugnatura è priva della clip da tasca poiché un trasporto di questo tipo sarebbe alquanto scomodo e sconveniente visto l’ingombro ed il peso del prodotto (322 g). Il largo spaziatore in acciaio, sul quale è riportato il nome del modello del coltello, si estende nella parte terminale dell’impugnatura fungendo da persuasore (o frangivetro).

Visto il peso consistente della lama, esattamente come nel RAO, è stata aggiunta la possibilità di utilizzare un perno di sicurezza da avvitare sul foro praticato sul ramo di guardia dell’impugnatura, scongiurando così un’eventuale pericolosa chiusura accidentale della lama in caso di utilizzo del coltello per operazioni più gravose (come ad esempio chopping o batoning). Il perno di sicurezza è corredato di un lacciolo elastico applicato al foro posto nella parte terminale dell’impugnatura, utile anche per assicurare una presa più salda del coltello.

Come nella precedente versione, anche nel RAO II si ripropongono alcuni aspetti che potevano essere presi in considerazione per apportare miglioramenti al nuovo prodotto: il perno di sicurezza, quando avvitato, provoca un fastidioso attorcigliamento del lacciolo elastico (probabilmente impiegando una testa snodata del perno questa problematica sarebbe stata facilmente risolta); l’impugnatura del coltello, oltre ad essere molto liscia – pregiudicando in parte un utilizzo agevole del coltello in assenza di guanti (cosa che è in ogni caso sconsigliabile) - ha uno spessore esiguo (16 mm) rispetto alle dimensioni complessive e la sensazione che si ha quando si impugna il coltello è che non riempia bene la mano. Chiaramente comprendiamo che sia stata una scelta obbligata per favorire la compattezza dello strumento.

In dotazione al coltello viene fornito un robusto fodero in nylon, di ottima fattura con cuciture e materiali di buona qualità; inoltre è compatibile con il sistema MOLLE e consente il trasporto del coltello sia da chiuso che da aperto (al pari di un lama fissa), grazie alla presenza di due sedi distinte per alloggiare lo strumento: da chiuso il RAO II può essere riposto nella tasca sagomata sull’ingombro del coltello (in posizione tip-down), ed ha una chiusura fastex; dietro alla tasca è stato ricavata la sede del coltello per poterlo trasportare aperto sempre pronto all’uso. In un apposito taschino è riposto l’affilatore d’emergenza realizzato con carta diamantata fissata su un supporto in alluminio anodizzato.

Il RAO II non ha solo la parvenza del coltello robusto, è a tutti gli effetti uno strumento in grado di sopportare un utilizzo estremo. Per testare il coltello sono state fatte alcune prove di taglio su cime da ormeggio, con risultati soddisfacenti, e test di chopping e batoning che hanno dimostrando una notevole resistenza del prodotto, ricordando che si tratta pur sempre di un chiudibile.

Questo coltello mil-spec è infatti in grado di combinare il duro utilizzo da campo, grazie anche al sistema di sicurezza aggiuntivo, con la praticità e versatilità di trasporto, rendendolo uno strumento affidabile e duraturo.

SPECIFICHE

Produttore: Extrema Ratio - www.extremaratio.com
Tipologia: chiudibile con sistema di chiusura con perno a molla e perno di sicurezza aggiuntivo
Acciai lama: N690 , brunitura MIL-C-13924
Lunghezza lama: 120 mm (tagliente 110 mm)
Spessore lama: 6.3 mm
Lunghezza complessiva (da aperto): 260 mm
Lunghezza da chiuso: 140 mm
Impugnatura: Alluminio Anticordal anodizzato
Spessore impugnatura: 16 mm
Fodero: nylon nero
Peso: 322 g (circa 490 g con fodero)
Made in Italy

Questo articolo è stato pubblicato sulla rivista "Armi&Balistica" n. 36

  • Social network:

LASCIA UN COMMENTO

Ultimate Knives & Gear

Il portale dedicato al mondo dei coltelli industriali ed artigianali di tutto il mondo.

Tutti i contenuti delle recensioni sono protetti da copyright e sono di proprietà intellettuale dell'autore, nonchè della rivista su cui vengono pubblicati. E' pertanto vietata la riproduzione, anche parziale, di testi ed immagini senza l'autorizzazione scritta da parte dell'autore.