Homefront EDC

28 Luglio 2017 Autore : 

Coltello chiudibile pluripremiato lo scorso anno grazie all’innovazione introdotta dalla tecnologia “Field Strip” ideata da Ken Onion, l’Homefront è stato prodotto dall’americana CRKT nella nuova versione EDC.

Il coltellinaio e designer Ken Onion nel corso della sua prestigiosa carriera, ha ideato e brevettato una quantità impressionante di meccanismi e design, guadagnandosi nel 2008 l’ingresso nella “Hall of Fame”.
Riconosciuto come uno dei designer più innovativi e di successo degli ultimi tempi, Ken Onion riesce sempre a sorprendere con nuove idee, come la tecnologia “Field Strip” che permette di smontare il coltello senza la necessità di utilizzare attrezzi, favorendo così la pulizia e manutenzione sul campo.
I più scettici penseranno che si tratti per lo più di un esercizio di stile, qualcuno si domanderà quale sia l’effettiva utilità di smontare il proprio coltello sul campo, altri invece apprezzeranno la genialità del sistema e lo sforzo di apportare innovazioni in un settore in cui le novità sono ormai sempre più rare. Ognuno trarrà le proprie conclusioni in merito sulla base delle proprie esperienze e necessità di impiego, ma andiamo a vedere nel dettaglio com’è costituita la nuova tecnologia “Field Strip”.

La prima fase per smontare il coltello consiste nello spostare la leva posta sul pivot, che è collegata con una ghiera interna di forma esagonale che ruotando sblocca un perno, anch’esso a testa esagonale, intorno al quale ruota la lama.

La seconda fase prevede che si faccia ruotare la ghiera posta sul fondo dell’impugnatura, che svita e svincola la guancetta.


.

In questo modo, in pochissimi secondi (circa 8-9 che con un po’ di pratica si possono anche ridurre) il coltello è completamente smontato in tre pezzi; basta estrarre la lama dal pivot e procedere con la pulizia delle varie parti. Tutte le componenti interne (stop pin, spaziatore e rondelle) sono bloccate in modo tale da non essere perse durante lo smontaggio, rendendo così questa operazione praticabile in qualunque condizione.

La lama dal profilo drop-point e biselli concavi, è dotata di un falso controfilo non eccessivamente pronunciato che termina su una punta efficace. L’acciaio impiegato in questo modello è il 1.4116  (temprato a 55-57 HRC), acciaio inossidabile tedesco da sempre impiegato nei coltelli da cucina ma che  ha trovato largo impiego anche nella coltelleria sportiva. La lama, come la cartella interna, ha una graziosa finitura stonewash che mette in risalto una forma di lama classica, semplice ma al contempo funzionale.


L’aspetto esterno del coltello è piuttosto essenziale ed orientato soprattutto verso la funzionalità dello strumento, ma non mancano alcuni dettagli estetici che caratterizzano l’Homefront. Infatti sono presenti alcuni particolari di ispirazione militare, come il pivot sovradimensionato abbellito con una stella ed il flipper.



Per la realizzazione di quest’ultimo, unico sistema di apertura della lama, Ken Onion ha infatti tratto ispirazione dall’innesto ad anello sulla crociera delle baionette, aggiungendo una zigrinatura lungo la circonferenza del flipper per migliorare la presa. La lama ruota su rondelle in teflon che, come accennato precedentemente, sono state fissate una sulla guancetta (tramite due viti che la trattengono lungo i bordi) e una sulla cartella in acciaio (comprimendola tra il pivot e lo stop-pin), in modo tale da evitare di perderle quando si smonta completamente il coltello.
L’apertura è piuttosto fluida e gli accoppiamenti sono realizzati a regola d’arte; lo stop-pin fissato sulla cartella, espleta la sua funzione grazie alla presenza di una sede semicircolare ricavata sul codolo della lama.


Il sistema blocco è di tipo liner-lock ed è costituito da una molla piana di 1.27 mm di spessore. La cartella in acciaio è nascosta nella guancetta e tenuta in posizione da perni di plastica conformati sulla guancetta stessa e bloccata nella parte terminale dallo spaziatore.
L’impugnatura – strutturata per includere il sistema Field Strip - è costituita da due guancette in nylon rinforzato con fibra di vetro, ottenute per stampaggio, sulle quali è stata realizzata la zigrinatura per l’arresto del pollice ed un pattern a motivo geometrico.


Dal punto di vista ergonomico l’impugnatura ha una conformazione molto semplice ma estremamente funzionale. La presa sullo strumento è ben salda e consente una manipolazione agevole per ogni tipo di mano.
L’Homefront EDC è dotato di una profonda clip da tasca, collocata nella sola posizione tip-up destra. Il porto è agevole ed il coltello è estremamente leggero con i suoi 122 g di peso.


Il prezzo al pubblico della versione EDC dell’Homefront è di circa 100,00 $ negli USA e 93,00 € in Europa, nei vari negozi online.

Il coltello ideato per utilizzo quotidiano è stato testato a livello qualitativo effettuando, come di consueto, qualche prova di taglio su materiali di varia natura (carta, cartone, corde di materiali e diametri diversi, cintura di sicurezza, ecc.). L’affilatura di fabbrica si è rivelata di ottima fattura e la tenuta del tagliente è soddisfacente in relazione all’acciaio impiegato. Per valutare (sempre qualitativamente) la resistenza del sistema di assemblaggio con tecnologia Field Strip e del meccanismo di blocco, il coltello aperto è stato ripetutamente messo alla prova con colpi vigorosi sul dorso della lama e di piatto, cercando di simulare eventuali urti accidentali sulla lama che si possono verificare durante l’impiego. Nel complesso il sistema si è rivelato affidabile, il meccanismo di blocco è efficace e la lama in apertura è priva di giochi e ben salda; il coltello è stato smontato e rimontato oltre il centinaio di volte, e in ogni occasione tutti gli accoppiamenti sono risultati perfetti senza mai generare problemi di sorta.


Complessivamente l’Homefront EDC è un buon coltello da utilizzo quotidiano e, con l’innovativo sistema Field Strip, è in grado di offrire un plus a tutte le persone che non amano smontare il proprio coltello, anche per paura di perdere le varie componenti interne. Probabilmente in pochi avranno l’impellenza di tenere il proprio coltello pulito sul campo. Molti di noi potranno infatti dedicarsi alla pulizia e manutenzione con tutta calma sul tavolo di casa, ma per chi lavora molto in ambienti in cui ci si sporca facilmente e costantemente, questo coltello sarà sicuramente una valida scelta.
Il Field Strip inoltre apre le porte alla possibilità di rendere intercambiabili le lame, consentendo di scegliere sul momento il profilo di lama che si vuole utilizzare durante la giornata. Probabilmente la CRKT avrà già pensato a questa opportunità e, insieme a Ken Onion, saranno ancora in grado di sorprenderci con altre novità.

SPECIFICHE

Produttore: CRKT, Tualatin – OR (USA) - www.crkt.com
Designer: Ken Onion
Tipologia: chiudibile, liner-lock, Field Strip
Lama: drop-point
Apertura: manuale, flipper
Acciaio: 1.4116 SS, HRC 55-57
Lunghezza lama: 90 mm
Larghezza lama (al ricasso): 25.6 mm
Spessore lama: 3.4 mm
Lunghezza totale (aperto): 208 mm
Lunghezza (chiuso): 118 mm
Impugnatura: nylon rinforzato con fibra di vetro
Clip da tasca: destra, tip-up
Peso: 122 g

Made in Taiwan


Questo articolo è stato pubblicato sulla rivista "Armi&Balistica" n.67

  • Social network:

LASCIA UN COMMENTO

Ultimate Knives & Gear

Il portale dedicato al mondo dei coltelli industriali ed artigianali di tutto il mondo.

Tutti i contenuti delle recensioni sono protetti da copyright e sono di proprietà intellettuale dell'autore, nonchè della rivista su cui vengono pubblicati. E' pertanto vietata la riproduzione, anche parziale, di testi ed immagini senza l'autorizzazione scritta da parte dell'autore.